>> Il GAL
>> I progetti realizzati
>> Programmazione
     2007-2013
RICA
Sezioni correlate:


 
Partnership
  • GAL Oglio Po terre d'acqua
  • Provincia di Cremona
  • Provincia di Mantova
  • Centro ITARD, Associazione per la Ricerca e la Formazione
  • Associazione Provinciale degli Allevatori di Cremona
  •  Confcooperative di Cremona e Mantova
  • International Fund for Agricultural Development (IFAD)
  • PCU - Agricoltura del Ministero dell'Agricoltura, delle Foreste e della Gestione delle Acque della RS
  • PCU del Ministero dell'Agricoltura, della Gestione delle Acque e delle Foreste della FBiH
  • Federazione Provinciale Coldiretti Mantova
  • Federazione Provinciale Coldiretti Cremona
  • Associazione Provinciale degli Allevatori di Mantova

Descrizione sintetica
L'obiettivo strategico/generale della costituzione della RICA Oglio Po - Bosnia Erzegovina è accelerare il processo di riduzione della povertà in Bosnia Erzegovina attraverso l'accelerazione del processo di rafforzamento della competitività delle aziende lattiero casearie locali che consenta a queste di poter competere sul mercato con imprese di maggiori dimensioni ed importatori.

Obiettivo specifico del Programma è: migliorare le capacità e le pratiche manageriali, le tecniche di produzione e trasformazione, attraverso il trasferimento agli attori interessati del know-how tecnico e manageriale necessario nel sempre più competitivo ambiente del settore lattiero caseario della Bosnia Erzegovina.
 
RISULTATI
Gli output di progetto prevedono un miglioramento delle tecniche di produzione, trasformazione e gestione applicate nelle aziende locali tale da determinare un aumento della qualità dei prodotti caseari a partire dal prodotto di base e l'incremento della produzione sia del latte che dei suoi derivati al fine di conseguire l'obiettivo specifico. Inoltre il progetto prevede il raggiungimento di una riduzione dei costi di produzione, di un miglioramento delle infrastrutture ora esistenti e del know-how degli addetti ai lavori con finalità l'incremento dei posti di lavoro.

Tra i risultati collaterali e di medio periodo è possibile identificare la creazione di legami stabili e lo sviluppo di relazioni commerciali tra gli operatori delle due aree.
 
Attivita' previste  
Il Programma è costituito da tre fasi operative più un'attività orizzontale di gestione:
Programmazione Operativa: segue attività propedeutiche di analisi e pre-programmazione già realizzate dai partner di progetto, prevede l'elaborazione di un programma operativo dettagliato per la realizzazione delle attività di scambio, formazione ed affiancamento previste.
Assistenza tecnica e formazione "on the job"/affiancamenti di filiera: attività di formazione ed assistenza tecnica sono attualmente in corso per favorire la crescita delle capacità manageriali ed il miglioramento dei metodi di produzione e trasformazione. A livello di produttori individuali, come di associazioni di produttori, le attività di assistenza tecnica e di formazione sono incentrate sulle seguenti tematiche:
  • Tecniche di produzione: aspetti agronomici
  • Tecniche di produzione: aspetti zootecnici
  • Inseminazione artificiale e selezione genetica
  • Mascalcia e cura degli animali
  • Integrazione della filiera produttiva e distributiva
  • Processi di trasformazione del prodotto
  • Partecipazione alla Fiera del Bovino da Latte di Cremona 2005
  • Gestione del Programma
Il progetto avrà una durata complessiva di circa 6 mesi, sarà dunque concluso entro febbraio 2006.

Dal 23 al 29 ottobre un numerosa delegazione Bosniaca è stata ospite presso i territorio per seguire il corso "Inseminazione Artificiale" e per visitare la Fiera Internazionale delle Bovine da Latte a Cremona. A novembre dal 21 al 25, lo stesso gruppo ha concluso le attività previste per il 2005 partecipando al corso "Mascalcia e cura degli animali". Dal 31 ottobre all'11 novembre i docenti individuati da Centro Itard e dall'Associazione Provinciale degli Allevatori di Cremona hanno realizzato in Bosnia i moduli formativi "Tecniche di produzione: aspetti agronomici" e "Tecniche di produzione: aspetti zootecnici". I beneficiari hanno mostrato molto interesse per gli argomenti proposti mentre le istituzioni coinvolte hanno manifestato la volontà di proseguire in una possibile collaborazione per la realizzazione di iniziative volte al rafforzamento dei rapporti, anche commerciali tra le aree coinvolte. In attesa della conclusione dell'istruttoria per il finanziamento di una seconda fase del progetto (a valere sulla L 84), il GAL sta organizzando le attività conclusive di questa prima tranche, previste per gennaio 2006.

METODOLOGIA 
La metodologia prevede l'utilizzo di una capillare opera di formazione e collaborazione fra aziende casearie locali e Bosniache, favorendo l'istituzione di consorzi e associazioni di produttori. Particolare enfasi è stata posta su misure che supportino il graduale adeguamento della produzione lattiero casearia bosniaca agli standard internazionali (ed a quelli europei in particolare), per permettere ai prodotti caseari bosniaci di aprire le porte del mercato internazionale, allineandosi con standard qualitativi e di prezzo europei. L'impostazione delle attività è dunque basata sull'affiancamento individuale dei diversi soggetti della produzione trasformazione e distribuzione nel settore di riferimento al fine di creare da un lato le condizioni per un effettivo trasferimento di competenze in linea orizzontale, dall'altro di creare le condizioni per un reale sviluppo della filiera lattiero casearia che ne consenta la vitalità e la competitività sui mercati nazionale ed internazionale. Il meccanismo di affiancamento diretto tra operatori potrà inoltre porre le basi per eventuali sviluppi futuri della partnership verso lo sviluppo di business comuni tra operatori delle due aree.
 
BENEFICIARI ED AREA DI RIFERIMENTO
Complessivamente i beneficiari del Programma sono identificati in:
 
  • Associazioni dei produttori del settore lattiero caseario
  • Piccole fattorie del settore lattiero caseario con almeno 3 vacche da latte
Trasformatori attivi nel settore lattiero caseario con capacità di trattamento compresa tra 3.000 e 10.000 lt/giorno

Il progetto, promosso dal GAL Oglio Po, oltre ad essere cofinanziato da Istituzioni nazionali ed internazionali gode di un ampio apporto, sia tecnico che finanziario, del settore privato.
>> Informazioni
>> In Rilievo
  E-Democracy  
  OglioPo  
  Appeg  
Copyright 2017 GAL Oglio Po - Terre d'Acqua | Disclaimer
    
Società certificata per progettazione e l’erogazione di attività formative ed informative


Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale: l'Europa investe nelle zone rurali
PSR 2007-2013 Direzione Generale Agricola